Sono passati esattamente 67 anni dalla più importante scoperta archeologica del XX secolo, i Rotoli del Mar Morto di Qumran, uno dei più preziosi gruppi di manoscritti biblici, nascosti dai sacerdoti ebrei per non farli prendere dai romani. Tutto grazie ad un capra ed il suo padrone. La scoperta è avvenuta nel 1947, quando un giovane pastore che aveva smarrito la sua capra andò a cercarla proprio nelle grotte di Qumran. Qui si mise a tirare delle pietre per snidare la capra e nella seconda grotta ruppe una giara al cui interno era racchiuso un rotolo di pergamena, che andò a vendere al mercato. Il rotolo finì nelle mani di un archeologo che nel corso di nove anni trovò le altre undici pergamene. Queste pergamene sono dei manoscritti, i più antichi mai esistiti dell'antico testamento. Oggi questi manoscritti si trovano nel museo di Gerusalemme.

Leonardo Coppola 1° A Ungaretti